Dopo gli scandali legati alla manipolazione del Libor e dell’Euribor, i tassi interbancari sulla base dei quali le banche si prestano denaro tra loro, una nuova inchiesta mette sotto accusa gli istituti di credito. In questo caso le banche sono state accusate di aver agito per influenzare a proprio vantaggio i tassi di cambio delle valuteLa COMCO, la Commissione svizzera della concorrenza, ha aperto un’inchiesta nei confronti delle banche svizzere UBS AG, Credit Suisse AG, Zürcher Kantonalbank, Julius Bär & Co. AG e degli istituti finanziariesteri JP Morgan Chase & Co., Citigroup Inc., Barclays Bank plc. e Royal Bank of Scotland Group plc. per possibili accordi illeciti sui tassi di cambio nel commercio delle valute. Secondo la Commissione sussistono, infatti, indizi secondo i quali tra queste banche sono stati stretti accordi per manipolare il tasso. I possibili comportamenti riguardano specialmente i seguenti fatti: lo scambio di informazioni riservate, la coordinazione generale riguardo all’acquisto e alla vendita di valute a un livello di prezzo concordato, delle azioni coordinate per influenzare il WM/Reuters Fix, così come lacoordinazione di acquisto e vendita di valute in relazione a determinate controparti. Le autorità della concorrenza, si legge nella nota della COMCO, non possono per il momento escludere che altre banche o intermediari finanziari (broker) siano coinvolti nei presunti accordi. La COMCO comunica, infine, di aver aperto un’inchiesta preliminare relativa allo stesso caso il 30 settembre 2013.
LA RISPOSTA DI CREDIT SUISSE - Credit Suisse ha risposto alle accuse dichiarandosi “stupita” e affermando che l’istituto non sarebbe stato oggetto di indagini preliminari da parte della COMCO a partire dal settembre 2013, come invece è stato il caso per altri istituti finanziari. Secondo Credit Suisse la comunicazione della COMCO conterrebbe riferimenti errati e nocivi per la sua reputazione. Il colosso finanziario con sede a Zurigo ha comunque comunicato che collaborerà per chiarire il più rapidamente possibile la questione.



 

© 2017 Hofer Group srl - Piva 01595480193 - REA CCIAA: CR-180928 Lic. Questura CR/13